L’aspirante donatore non effettua alla prima venuta la donazione di sangue, ma viene sottoposto a:

  • visita medica e colloquio con il medico;
  • esami del sangue:

 1. controllo per le principali infezioni a trasmissione con il sangue (epatite B, epatite C, AIDS, sifilide) e funzionalità del fegato (transaminasi ALT), emocromo: questi controlli verranno poi ripetuti ad ogni donazione,

2. elettroforesi sieroproteica,

3. ferritina,

4. glicemia,

5. creatinina,

6. protidemia,

7. colesterolo totale

8. trigliceridi;

La comunicazione dell’esito degli accertamenti sanitari viene notificata al donatore per posta (entro 30-40 giorni, non prima), mentre per ripetizione di esami urgenti l’interessato viene contattato telefonicamente.

  • ECG (elettrocardiogramma).